Ministerialità

San Daniele Comboni aveva una idea chiara del ministero evangelico delle “sue suore”, come amava chiamare le missionarie della prima ora. Voleva che fossero donne sante e capaci, capaci di trattare con tutti, dai pascià ai contadini, capaci di far causa comune con i deboli e gli esclusi. Egli credeva nel ruolo insostituibile della donna nella compagine evangelizzatrice della Chiesa tanto da sostenere che: “…qui l’opera della Suora è un sacerdozio. Là dove ci sono le Suore c’è un Missione solida”.
 
La sua appassionata esperienza di vita spesa per l’annunzio del Vangelo in Africa e la metodologia missionaria sintetizzata nel motto “Salvare l’Africa con l’Africa” che ci ha lasciato in eredità, sono la consegna che oggi siamo impegnate a realizzare presso i popoli dove viviamo.
 
Sostenute dalla sua visione profetica nel nostro ministero femminile:
  • Annunciamo e condividiamo la Buona Notizia a coloro che non lo conoscono e favoriamo la crescita dei valori del Regno attraverso:

    – la pastorale catechetica
    – la pastorale educativa
    – la pastorale sanitaria
    – la promozione della donna
    – la formazione e la promozione umana e religiosa dei leaders
    – la promozione della Giustizia e Pace e salvaguardia del creato
    – l’Animazione missionaria delle Chiese

 
Oggi più che mai siamo chiamate ad essere “ponti di riconciliazione e perdono” e “tessitrici di dialogo” per l’unità dei popoli, delle culture e delle religioni, per essere vere donne del Vangelo per la missione
ad
gentes
oggi.