IT / EN / FR / ES / PT

La donna cattolica è tutto

The Catholic woman is everything

La mujer católica es todo

La femme catholique est tout

L'opera della Suora è un sacerdozio. Là dove ci sono le Suore c'è una missione solida

The work of the sister is a priesthood. Wherever the sisters are the mission is solid

L'oeuvre de la Soeur est u n sacerdoce. Là où il y a des soeurs, la mission est solide

La labor de la hermana es un sacerdocio. En los lugares donde ellas están, la Misión es sólida

Queste Suore vere immagini delle antiche donne del Vangelo

These sisters, true images of the ancient women of the gospel



 

Chi siamo
Dove siamo
Per saperne di più
Donne ad gentes
Progetti
DONNE DI RICONCILIAZIONE

LINK
Siti Agenzie Missionarie
Siti Associazioni
Siti Comboniani
Pubblicazioni Missionarie
Video
Contattaci
BIBLIOTECHE
Scritti del Comboni
Le nostre pubblicazioni
Recensioni
Arte e missione



Vangelo,

AREA RISERVATA

LOGIN
 
PASSWORD
 
 


 


CERCA
 
RICERCA AVANZATA




Pie Madri della Nigrizia
Suore Missionarie Comboniane
sito@comboniane.org





EUROPA/ITALIA - Comunicato - Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

SLAVES  NO  MORE  onlus  -  MAI  PIÙ SCHIAVE
Associazione contro le violenze sulle donne  e il traffico
di esseri umani per lo sfruttamento lavorativo e sessuale

COMUNICATO
GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE


«La tratta di persone è la schiavitù più estesa in questo XXI secolo!». (Papa Francesco)

Più di cento Paesi sono tuttora privi di una legislazione specifica contro la violenza domestica e più del 70 per cento delle donne nel mondo sono state vittime nel corso della loro vita di violenza fisica o sessuale da parte di uomini. È il drammatico quadro che le Nazioni Unite denunciano in vista della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre.
In Italia, si sono registrati oltre 150 “femminicidi” nel corso dell’ultimo anno. E molte altre forme di violenza e discriminazione riguardano il vissuto quotidiano di tantissime donne. Poco però si parla di un altro fenomeno più sommerso, ma altrettanto drammatico: quello della tratta degli esseri umani, specialmente per lo sfruttamento sessuale. Una vera e propria schiavitù contemporanea. Che riguarda milioni di donne in tutto il mondo. E decine di migliaia nel nostro Paese.
L'Associazione Slaves no more è nata un anno fa specialmente per assistere le donne vittime di tratta e per lottare contro ogni forma di violenza, soprattutto quella che schiavizza, annulla la dignità delle persone e porta verso la morte psicologica e fisica. 
Forte del lavoro svolto in questo anno - soprattutto attraverso progetti di protezione delle vittime e di rimpatri assistiti di donne vittime di tratta in Nigeria – Slaves no More vuole unirsi al grido di tutte quelle donne che, nel mondo, subiscono ogni sorta di violenza. Deve esserci un sobbalzo di responsabilità da parte di tutte le Istituzioni perché si adoperino con maggiore incisività nella coscientizzazione dell'opinione pubblica su questo grave crimine contro gran parte dell'umanità e attivino ogni mezzo a loro disposizione per sradicare questo turpe delitto.
Suor Eugenia Bonetti, missionaria della Consolate e presidente dell’Associazione Slaves no More ricorda che sono migliaia le donne che vengono violate ogni giorno, trasportate con l'inganno da una parte all'altra del mondo, col solo scopo di soddisfare piaceri sessuali e di permettere facili guadagni a chi organizza questi loschi traffici. «Le autorità di ogni Paese - afferma suor Bonetti - non devono dimenticare che è loro dovere primario la salvaguardia delle persone più vulnerabili. Ma noi tutti, società civile, istituzioni, Chiesa, dobbiamo lavorare per scardinare la cultura dello sfruttamento e della mercificazione del corpo della donna. Solo impegnandoci di più nell’educazione e nella prevenzione potremmo combattere questa orribile schiavitù e restituire giustizia, libertà e dignità alle donne sfruttate. Perché si possa finalmente dire: Mai più schiave!».

SLAVES NO MORE onlus
Casa di accoglienza Maria Maddalena
Via Falzarego, 20 – 00048 Nettuno (Roma)          Codice Fiscale / Partita Iva: 97734010586
Tel./Fax: +39 06.9807871            Banca Popolare Etica - Filiale di Roma
slavesnomore@libero.it            Coord.  IBAN IT55 O050 1803 2000 0000 0156877

sr. Eugenia mc
TORNA INDIETRO

ALTRE NOTIZIE
La gratitudine del Papa ai premi Nobel per la pace
Suore Missionarie Comboniane: Leadership a servizio della missione oggi
VATICANO: GIORNATA INTERNAZIONALE DI PREGHIERA E RIFLESSIONE CONTRO LA TRATTA DI PERSONE
AMERICA/MESSICO: I Vescovi messicani: “Non vogliamo più sangue, né morti, né scomparsi… Basta!”
EUROPA/ITALIA: Formarci per “formare”
AFRICA/MOZAMBICO: Progetto per un "ritorno alla normalità" dopo mesi di conflitti armati
ASIA/IRAQ: I fondi per i rifugiati sottratti da funzionari corrotti. L'Arcivescovo Nona “Rubano a povera gente che ha perso già tutto”
VATICANO - Papa Paolo VI Beato: "L’amore per le Missioni è amore per la Chiesa, è amore per Cristo!"
Mettere fine ai minerali di conflitto
VISUALIZZA TUTTE LE NOTIZIE

ESPERIENZE DI VITA


Gustare una piccola festa
Si riparte!
FINESTRA APERTA NEL MONDO


L’Unione Africana adotta i Principi Guida per gli Investimenti su vasta scala basati sulla Terra
AUFJN
SPAZIO GIOVANE, VIENI E VEDI


Tempo di RI-“PARTIRE”
PM

ARCHIVIO

ARCHIVIO

ARCHIVIO