MANGUNDE

Missione. Mangunde

Dove siamo
La comunità è  situata  nel  Distretto di Chibabava, nel  Sud della Diocesi di Beira (300 Km. dalla città). È la penultima parrocchia della Diocesi.

Popolazione

Il distretto conta 100.000 abitanti  sparsi su una superficie di  5.500 Kmq. di cui solo in Mangunde ne  abitano più di 20.000
La comunità delle Comboniane venne aperta nel Settembre del 1995.

Realtà storia
La missione di Mangunde fu fondata nel 1945 dai Padri Francescani che vi rimasero fino  al 1976. Dal 1980 al 1986 la missione rimase isolata a causa della guerra. Nel 1982 vi giunse P. Ottorino Poletto (Missionario Comboniano) che iniziò a riunire  e riorganizzare i cristiani dispersi.
La popolazione di questa vasta zona vive principalmente di agricoltura e la maggioranza di questa popolazione professa le religioni tradizionali.  I cristiani sono poco più del 4%.
A partire dal 1995 fu organizzata  l’attività catechistica e la formazione degli animatori. Nel 1990 fu amministrato, per la prima volta dopo la guerra, il sacramento della Cresima e il nostro Vescovo Mons. Jaime visitò la parrocchia.
Dal 1980 cessò la nostra attività scolastica in Mangunde e in tutto il distretto di Chibava. Nel 1982 avvenne la consegna della scuola di Mangunde alla Diocesi con l’autorizzazione all’insegnamento  fino alla 12 classe.
Le Suore Vittoriane lavorarono nell’Ambulatorio dal 1973 al 1976. Alla loro partenza il servizio fu affidato a un’infermiera della RENAMO con scarsa preparazione tecnica e poco materiale per il disimpegno del suo servizio.
Nel 1996 iniziammo la nostra attività nel settore sanità con l’apertura ufficiale dell’ambulatorio di Mangunde, in coordinazione con il DDS e il DPS. Nel 2002 cominciò a funzionare il laboratorio di analisi cliniche e in aprile 2005 il GTV, in settembre dello stesso anno il Dia.
Nel 2004 iniziò a funzionare  l’ospedale rurale di Mangunde che comprende una sala operatoria, RX e altri servizi che permettono il ricovero degli ammalati più gravi che vengono assistiti da un medico generico e da un tecnico di chirurgia.
La gente però continua a preferire la medicina tradizionale e ricorre all’ospedale solo in ultima istanza.  Alcuni ricoverati abbandonano l’ambulatorio e ricorrono ai riti tradizionali.
La situazione della donna è molto precaria; sono frequenti i casi di violenza domestica con ferimenti gravi, accuse e attentati contro persone anziane sospettate di stregoneria; frequenti i matrimoni di ragazzine con  uomini molto più anziani di loro; sono casi definiti di pedofilia tradizionale.
La scolarizzazione di donne e ragazze è molto bassa e l’indice di analfabetismo impedisce alle donne l’accesso al lavoro nei vari settori della vita sociale del distretto.

Problemi urgenti
Questa zona continua ad essere un’area di prima evangelizzazione e siamo nella fase di consolidamento delle piccole comunità e di formazione di personale di animazione più cosciente e maturo a livello di fede.
Le scuole di alfabetizzazione, le poche esistenti, non riescono a coinvolgere e alfabetizzare le persone, soprattutto le donne, per mancanza di interesse delle stesse o per impedimento dei famigliari che non vedono l’utilità di una donna che sappia leggere e scrivere.
La povertà e la disoccupazione sono la frequente causa di miseria e fame.
Altre sfide sono la poligamia, la stregoneria, ( i casi di linciaggio per accuse di stregoneria sono frequenti) l’emigrazione verso il Sud Africa, l’aumento dei casi di HV SIDA, aumento di vedove e orfani abbandonati e mancanza d’acqua nella zona.
Altra sfida è l’enorme distanza delle scuole comunitarie che obbliga i bambini a lunghi tragitti a piedi (più di 20 Km.) così che molti di essi preferiscono desistere dalla scuola.

Ministeri:
Pastorale parrocchiale e scolastica
Sviluppo
Lezioni di formazione nella scuola Agraria
Pastorale della salute con la responsabilità del Centro di Salute

Caratteristica di questa comunità è la collaborazione con i laici, sia a livello internazionale che nazionale, in tutti gli ambiti in cui operiamo. Non solo laici comboniani, ma anche altri che vengono per un corto periodo attraverso l’ESMABAMA o l’Istituto.

Irmãs Missionárias Combonianas

 

info: sitoweb@comboniane.org