KAHSU EGHEDA, sr. Mariangela

Proviene da Adi Neamen, un villaggio dell’Hamasien (ora Zoba Maekel) dal nome suggestivo “Paese del Sì, abbiamo fede”. E fede ne ha avuta Letteghiorghis che, a 18 anni, inizia ad Asmara il cammino di formazione che la porterà alla consacrazione.

 

Sr. Mariangela, questo è il nome che riceve al momento della Professione dei primi Voti, accetta con fede e passione il compito di insegnante nella scuola elementare annessa alla Casa regionale, ad Asmara. La rimane fino al 1971, quando, all’apertura della Comunità di Shafinna, in Etiopia, Sr. Mariangela prende il volo per quella bellissima missione immersa nel verde dove, tra le altre attività, si fa anche scuola ai bambini. Nel novembre 1965, infatti, erano partite da Asmara quattro Sorelle dirette nella regione del Sidamo (Etiopia) per iniziare una presenza ad Hawasa, la prima di diverse comunità aperte nella regione.

Dal 1979 al 1981 è di nuovo ad Asmara, responsabile del piccolo orfanotrofio di casa Comboni e insegnante.

Nel 1981 torna in Ethiopia, a Guder, nella zona Mirab Shewa dell’Oromia. Lì i Padri Lazzaristi avevano aperto, nel 1974, una Children’s Home per bambine provenienti dallo Wollo, zona gravemente colpito dalla carestia. Dopo un anno, il suo servizio di insegnante è richiesto ad Hawasa e, successivamente, a Dongora, ancora ad Hawasa e dal 1990 al 1993 a Nekempte nel Wollega, dove insegna Morale e si occupa dei catechisti, oltre ad essere Superiora della comunità.

 

Nel 1993 è in Eritrea, ad Adi Genu e dal 1995 al 1997 è Superiora e incaricata della Scuola Materna ad Afabet. Il suo è un continuo andare e insegnare, andare e condividere con i bambini e ragazzi a cui insegna, non solo la sua conoscenza ma anche la sua fede. Era suo desiderio, infatti, che gli studenti a lei affidati “crescessero in sapienza e grazia, proprio come Gesù”.

 

Nel 1998 resta gravemente ferita in un incidente stradale in cui Sr. Tirhas Negasi perde la vita.

Dall’ottobre 1998 è in Italia, dove riceve ulteriori cure, e vi rimane, inserendosi un po’ alla volta e per quanto le permette la salute, in qualche attività parrocchiale e in casa, prima a Buffalora poi a S. Felice del Benaco e infine a Erba. In questi anni si reca alcune volte in Eritrea, ma ritorna sempre in Italia anche a causa della sua salute.

Il viaggio in Eritrea per un periodo di vacanza, intrapreso nel marzo di quest’anno, è stato l’ultimo: è rimasta in patria, forse perché sentiva le forze diminuire… e da lì…. è andata nella Casa del Padre.

Grazie, Sr. Mariangela, per la tua vita di donazione e di sofferenza vissuta nella fede: chissà quante volte hai ripetuto nel tuo cuore “Sì, ho fede, ho fiducia”. Prega per tutti i bambini che hai conosciuto ed educato nelle scuole di città e di villaggio…