MURACHELLI; sr. Giacomina Maria

 

     “Ho letto qualcosa sulla vita di papa Giovanni. È la figura ideale del vero religioso che voglia vivere integralmente la vita consacrata. Beate noi che viviamo in questo tempo ricco di tanto bene, di tanti aiuti e di tanto splendore, nella Chiesa nostra Madre…” (Suor Giacomina alla Superiora generale. Panzano, 18 luglio 1963).

 

Ancora pochi mesi, e anche suor Giacomina avrebbe festeggiato i suoi cento anni!

Giacomina, infatti, era nata a Capodiponte nel 1919, ed era entrata nella nostra congregazione a diciott’anni, nel 1937. Purtroppo, due mesi prima della sua professione, l’Italia entrava in guerra, e anche suor Giacomina si vide costretta a rimanere in patria. Così, fece la missionaria a Vasto Marina, a Fresagrandinaria (Chieti), a Pacentro (Aquila), a Panzano di Castelfranco, a Pescara, a Osimo (Ancona), a Cesano di Senigallia ed infine ad Erba, dove rimase per sempre.

 

Anche se lontana dall’Africa, suor Giacomina non dimenticava la terra in cui aveva tanto sognato di raggiungere. Al contrario: trasfondeva il suo amore anche nei bambini che educava. Da Panzano, il 3 aprile 1964 –anno dell’espulsione dei missionari dal Sud Sudan- scriveva fra l’altro alla Superiora generale:

“La ringrazio di cuore della letterina che ci ha inviato. Abbiamo seguito con attenzione il dolore delle nostre sorelle rimpatriate.

      Anche i nostri cari bambini si sono molto interessati e si sono uniti a noi per pregare e per offrire i loro piccoli sacrifici per le suore e per i moretti. È una gara di piccole generosità che commuove…”.

 

Neppure Erba ha dimenticato l’attività “missionaria” di suor Giacomina. Assegnata a quella comunità nel 1984, si mise a disposizione della parrocchia come catechista e come ministro degli infermi. Ancora oggi, dicono le sorelle, sono molti coloro che la ricordano con affetto e gratitudine.

 

Ultimamente, purtroppo, la sua salute si era fatta precaria e si stancava con molta facilità. Allora comprese e, con discrezione e serenità, si preparò al grande incontro che l’attendeva, e che avvenne il 12 aprile 2018.